Home italia • Tatuaggi, in circolazione inchiostro nero cancerogeno

Tatuaggi, in circolazione inchiostro nero cancerogeno

E’ stato diffuso da parte dei tatuatori professionisti italiani un avvertimento relativo alla circolazione di un inchiostro nero cancerogeno nel nostro paese. A richiamare l’attenzione di coloro che vogliono farsi fare un tatuaggio e degli studi è stato in particolare il presidente dell’ ATIR, l’Associazione dei tatuatori italiani riuniti Geppi Serra.

disegno tatuaggio, pistola ed inchiostro

L’esperto si è ovviamente attivato, così come spiegato all’AdnKronos, appena ricevute le prime segnalazioni, facendo analizzare l’inchiostro in questione, esportato dalla Killer Ink, e mandando i risultati sia ai carabinieri della Nas che al Ministero della salute. E non vi sono notizie buone per chi si è imbattuto nell’utilizzo di questo pigmento, venduto soprattutto nelle fiere dei tatuaggi. Come sottolinea il presidente dell’ATIR:

Questo inchiostro denominato “Dynamic”, viene esportato dalla Killer Ink e venduto soprattutto nelle fiere di tatuaggi. Costa un po’ meno di uno di qualità usato in studi certificati. A dire il vero alcuni importatori appongono etichette su cui è scritto che non deve essere usato per i tattoo. Ma temo che questa avvertenza non scoraggi gli abusivi che in Italia sono 10 per ogni tatuatore a norma.

I risultati delle analisi fatte hanno mostrato la presenza all’interno dell’inchiostro di metalli pesanti e idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sostante classificate internazionalmente ed ufficialmente come cancerogene, mutagene e teratogene. Un vero e proprio problema per la salute che difficilmente riesce ad essere bloccato con successo perché l’abusività della professione è purtroppo presente in alte percentuali così come la corsa al “risparmio”. Il fatto che un pigmento così pericoloso sia in grado di dare risultati di disegno di qualità elevata aggiunge la beffa al danno. Purtroppo anche poche gocce di inchiostro rischiano di causare gravi danni alla salute. Motivo per il quale, se si vuole farsi fare un tatuaggio, come ricorda il presidente dell’ATIR, è necessario rivolgersi a personale specializzato con qualifiche e materiale certificato come sano e di alta qualità.

Africa Studio

Author:itadsale

Leave a Reply